Crea sito

Spellbook 4×08 Written in Stone I/4×09 Written in Stone II

MESSAGGIO IMPORTANTE: SE VOLETE CHE LA STORIA CONTINUI, COMMENTATE NEL BLOG, SCRIVETE COSA NE PENSATE, I VOSTRI PERSONAGGI PREFERITI, E LE VOSTRE IMPRESSIONI. MI RACCOMANDO, è IMPORTANTE CHE VOI LO FACCIATE, GRAZIE, E BUONA LETTURA:

Vorrei ricordare che SPELLBOOK non è esattamente un racconto, o un romanzo, è una storia che ha lo stile di una sceneggiatura. Viene lasciato molto all’immaginazione del lettore, ed i passi sono più brevi. E tutto ciò è fatto APPOSITAMENTE.

Per godere appieno l’episodio vi consiglio di aprire i link delle canzoni ogni volta che ne trovate una. Sono evidenziati.

PREVIOUSLY ON SPELLBOOK

PER LEGGERE I PRECEDENTI EPISODI CLICCATE QUI

4×08 Written in Stone I/4×09 Written in Stone II (MID-SEASON FINALE)

“Cosa può esserle successo?! Cosa?!”

Meredith avanza verso la porta principale di casa Wilson, Benjamin è appena entrato. Tim sembra analizzare i detriti a terra, la vetrata della porta è completamente andata in frantumi.
Benjamin: da quanto è successo?!
Meredith: ero sotto la doccia, circa mezz’ora fa, ho sentito un tonfo e poi le urla, sono arrivata giù e Rose non c’era, ma la sua borsa è lì e anche il suo cellulare.
Benjamin, in un momento di puro panico, cerca di capire cosa sia successo. L’iPhone rosa di Rose è a terra.
Tim: c’ho già provato, ha una password.
Tim si alza, togliendosi i guanti. Sembra preoccupato, sull’orlo di una crisi.
Benjamin: farò… farò un incantesimo.
Ben si trova a disagio a parlarne con loro, ma sa anche che deve tranquillizzarli in qualche modo.
Benjamin: io… io la troverò, non preoccupatevi.
Meredith: sta succedendo qualcosa di grave, Ben?
Benjamin guarda Meredith,
Benjamin: succede sempere qualcosa di grave.

“Cosa è successo?”

Uno scioccato Matthew arriva alla porta.
Benjamin: hai fatto in fretta.
Matthew: ero nei paraggi. Allora?!
Benjamin: sembra che qualcuno abbia preso Rose.
Ben lo guarda, incattivito. Non può farne a meno.
Matthew: cosa?!
L’angelo-vampiro controlla la scena, il cellulare di Rose, la borsa.
Meredith: cosa ci fa lui qui?
Benjamin: sei andato a Bakersville con lei oggi.
Matthew: come lo sai?
Benjamin: hai notato qualcosa di strano?
Matthew: no, ma lo sto notando ora. Perché non stai facendo un incantesimo di locazione?!
Meredith: aspettate, Rose è stata a Bakersville oggi?!
Meredith, come sempre, si sente tenuta all’oscuro di tutto.

“Che cos’è questo?!”

Tim, sorpreso, avanza verso di loro con un foglio. Ben lo prende, leggendo ad alta voce:

“Il cuore di una mamma è un abisso in fondo al quale si trova sempre il perdono” – Jack W.

Matt, sgranando gli occhi, connette i puntini.
Benjamin: chi è Jack W?!
Matthew prende il foglio, guardando poi Benjamin negli occhi.
Matthew: dobbiamo parlare.

CASTELLO DELUC, SOTTERRANEI

“Non riesco a credere che tu sia vivo!”

Emma, estasiata, guarda Andy. È così contenta di vederlo in vita, di vederlo lì, di poter interagire con lui.
Emma: sciogli le catene.
Con un gesto magico, la strega rimuove le catene incantate di Andy.

Luke, arrivo al piano inferiore, non ne è molto felice.
Luke: HEY, lui è un prigioniero!

Talos: è il mio turno ora, togliete le catene anche a me?
Talos, stufo di essere prigioniero immotivatamente – secondo lui – fa un’obiezione.
Emma: lui è uno dei migliori amici di Oliver Bright e di suo padre.
Emma si alza, va verso il vampiro pronta a difendere Andy a qualsiasi costo, nel frattempo Mina ed Anne hanno raggiunto l’amica.

Andy

Andy: EMMA!
Andy, temendo per le conseguenze sul futuro, riprende Emma.
Emma: ormai non ha più importanza, qualsiasi conseguenza sia arrivata al nostro futuro, sembra che le cose stiano cambiando. Cose successe nel nostro passato non sono mai successe qui e viceversa.
Luke la guarda, confuso
Luke: cosa vuoi dire?
Andy: non capisco.
Emma: come sei arrivato qui?! Come è successo?
Andy abbassa lo sguardo, quasi come per suggerire una paura nel dirle la verità.
Mina: perché non rispondi?
Anne: forse è solo stanco, voglio dire, essere prigioniero e incantenato ad un muro non è il massimo.

“LUKE, LUKE!”

Le urla furiose di Benjamin distraggono il vampiro, così come gli altri presenti.

SALONE DELUC

“LUKE!”

Tatia va verso il fratello, appena entrato nel castello insieme a Matthew.
Tatia: hey, che diavolo ti prende?!
Benjamin: dov’è Luke?!
Bright e Tiberius si guardano, curiosi di saperne di più. Leda arriva in salone, è stata svegliata dalle urla di Ben.
Leda: che diavolo sta succedendo?!

Matthew: Rose è stata rapita.
Tatia alza gli occhi al cielo, NON DI NUOVO!
Luke arriva finalmente nella sala, insieme ad Emma, Anne, Mina ed Andy, finalmente libero.

Bright: chi ha liberato quel coso?!
Evan, che era nelle cucine a bere del sangue, raggiunge gli amici.

Benjamin: voglio sapere cosa sta SUCCEDENDO! Voglio saperlo ORA!
Luke: cosa vuol dire che Rose è stata rapita?
Benjamin avanza verso il vampiro, portandolo con forza contro il muro.
Benjamin: figlio di puttana, sapevi tutto. Sapevi che mio figlio era qui. SAPEVI TUTTO.
Luke guarda Matt
Matthew: ho dovuto dirglielo.
Tatia avanza verso i due.
Tatia: Ben, lascialo andare!
Luke: non te l’ho detto semplicemente perché mi è stato chiesto di non farlo!
Benjamin: chiesto da CHI?!

“Da me”

Una voce innocente si fa avanti, è quella di Emma che Ben ha visto qualche volta a lezione, ma sulla quale non si è mai veramente soffermato.

Benjamin: tu? Chi sei tu?
Benjamin lascia anadare Luke, che finalmente può rimettere i piedi a terra.
Emma: è meglio che ti siedi.

LAGO BLU, TWINSWOOD

“Questo è il posto preferito di papà”

Rose, confusa, cerca di capire come sia arrivata sul pontile del Lago Blu; Jack è in piedi, il posto è illuminato da quella che sembra magia ma ormai è tardi, la strega non riesce neanche a vedere delle barche a distanza o la luce accesa del guardiano del lago. Il pontile è semi-bagnato, Rose cerca di alzarsi a fatica ma dopo qualche tentativo, preferisce restare in ginocchio.

Jack: e ne comprendo il fascino, sai?
Rose: che cosa mi hai fatto?
Jack guarda la madre, ancora profondamente amareggiato.
Rose: chi diavolo sei?
Jack: sono tuo figlio, lurida stronza. Non riconosci neanche tuo figlio?!
Jack si avvicina velocemente verso Rose, abbassandosi e guardandola dritta negli occhi. DI NUOVO, la ragazza lo vede così simile a Benjamin, riconosce qualcuno nei suoi occhi, riconosce se stessa.
Rose: non ho figli.

Jack
Jack

Jack: ovviamente vengo dal futuro. Ti facevo più sveglia.
Rose: tutto questo non ha senso.
Jack si ferma per qualche secondo, non riconoscendo sua madre in quelle parole.
Rose: perché mi stai facendo questo? Cosa ti ho fatto?
Rose – in uno stato di completo panico – cerca di capire.
Jack: non mi hai mai accettato. Non mi hai amato. Non mi hai capito né hai mai provato a capirmi. Sei stata una madre fredda, schematica, sempre a pensare al dovere da strega buona e MAI A TUO FIGLIO. Di cosa avesse bisogno tuo figlio. Di un abbraccio. Di una parola di conforto. DELLE FOTTUTE ATTENZIONI. Perché non sei mai riuscita a volermi bene?
Rose vede la sofferenza di Jack, la percepisce. Sta dicendo la verità.
Rose: mi dispiacxe io… io non mi riconosco in questa persona che descrivi…
Rose tentenna
Jack: Jack, mi chiamo Jack.
Rose: Jack, io…
La bocca della strega trema, è un mix tra terrore e l’essere completamente sopraffatta da notizie che non si aspettava.
Jack: sai mamma, non mi sorprende. Tu non mi sorprendi. Ho sentito che tu e papà vi siete lasciati.
Rose: papà? Ben è tuo padre?
Jack la guarda, come se fosse così assurdo…
Jack: non hai accettato la sua oscurità. Come non hai mai accettato la mia.
Rose, di nuovo, non riesce a riconoscersi.
Rose: non… non è così.
Jack: sei una stronza bugiarda. Fai finta di essere la buona del gruppo, quella che aiuta e capisce. Ma non ha mai provato neanche una volta a capire me.
Rose: la persona che stai descrivendo, credimi, non sono io. Non ti farei mai tutto questo, non lo farei a Ben. Non è la persona che sono, Jack.
Jack: menti.
Rose: non è così. Perché sarei qui a cercare di capire? Non ti farei mai del male. Se sei davvero mio figlio, io non ti farei mai del male. Che tu sia buono, cattivo o… qualsiasi cosa tu voglia essere. Non posso fartene. Amo tuo padre. E amerei te.
Jack: sei così diversa.
Rose: è perché non sono quella persona.
Jack fa cenno di no con il capo.
Jack: non ti credo. Pensi di essere buona. L’hai sempre pensato.
Il mago si alza, finalmente.
Jack: ma sono qui per insegnarti una lezione.
Rose: una lezione?
Le lacrime ormai hanno impregnato il volto di Rose, ancora in stato di completo shock.
Jack: presto, mammina. Presto.

Jack si gira, camminando lungo tutto il ponte fino all’uscita, scomparendo nella notte.

CASTELLO DELUC – SALONE

Benjamin non ha detto una parola, è semplicemente rimasto lì ad ascoltare la storia che le ha raccontato Emma. Una storia che stranamente riesce a riconoscere pur non avendola vissuta. Non capisce, tuttavia, cosa sia successo. Cosa possa aver scatenato la rabbia di Jack, cosa possa aver fatto Rose di così malvagio, di così brutto.

Emma

Emma: voglio che tu capisca che Jack può essere fermato. Non è una persona irragionevole.
Andy alza gli occhi, non concorda affatto con questa affermazione.
Anne arriva in salone dopo aver pasticciato in cucina con la magia
Anne: l’incantesimo di locazione non ha funzionato.
Mina la guarda, curiosa
Mina: Jack deve aver fatto in modo che Rose fosse non rintracciabile.

Benjamin: Oliver è morto?
Emma guarda Ben, facendo cenno di sì con il capo
Andy: esattamente, e Jack l’ha ucciso.
Emma: non era se stesso.
Andy: ha preso Rose. Emma, smettila di giustificarlo, ti prego.
Andy si avvicina a Ben, pronto a dire la sua.
Andy: dobbiamo fermare Jack. È pericoloso. Può fare del male a Rose, a te, a tutti noi.
Emma: no, no, ascoltate, posso parlargli io, ok?! Ero riuscita a farlo ragionare, ero riuscita a…
Emma, confusa, cerca di capire cosa possa essere successo.
Leda: se questo Jack è così pericoloso, perché colpire solo adesso? Perché prendere Rose solo ora?
Emma: qualcosa deve essere scattato in lui. Deve aver visto, sentito… non LO SO!
Benjamin guarda la ragazza.
Benjamin: come è fatto?! Avete una foto?
Emma: certo.
Emma prende la borsa, mostrando velocemente una foto di lei e Jack al ragazzo.
Benjamin: ho visto questo ragazzo, l’ho incontrato, l’ho visto… al lago blu.
Tiberius: posso dire una cosa?
I presenti nella stanza guardano Tiberius, che è ancora costretto – dalla magia – sul divano.
Tiberius: voglio dire, senza offesa. Ma chi non ha chiara la vostra storia di famiglia trova tutto questo estremamente noioso. Non potete disegnare una specie di albero genealogico da qualche parte? Non ci sto capendo niente!
Matthew interviene, stufo delle chiacchiere.

Matthew: non mi interessa se è suo figlio, suo cugino, suo nonno o suo Zio. E soprattutto se ha i tuoi geni, ha preso Rose. Rose rischia la vita ed è tutto ciò di cui mi importa.
Benjamin: pensi che a me non interessi?! Ma mi interessa anche capire perché lo sta facendo. Perché è arrivato a questo punto e perché odia così tanto sua madre. Scusa se voglio sapere cosa passa per la testa di mio figlio.

Emma guarda Benjamin, finalmente qualcuno che riesce a capirla.

Tatia sbuffa, alzandosi e ponendosi davanti a tutti.

Tatia: posso riassumere la situazione qui?
Emma annuisce
Emma: fai pure.
Tatia: negli episodi precedenti di “Rose: la mamma peggiore del futuro”, Jack, amore della Zia, è arrabbiato con Rose perché beh, dai, è Rose. La Signorina Rosemmaier tratta male il povero bimbo preferendogli Oliver che riceverà solo carbone da Zia Tatia. Jack cresce, sviluppa le sue capacità cognitive e capisce quello che abbiamo capito in molti da tempo: Rose è una stronza perfettina, indecisa e con un bastone infilato nel deretano che la mantiene in posizione eretta ed ora siamo tutti in pericolo per colpa sua, DI NUOVO.

Ben e Matt non sono molto colpiti da questo riassunto, mentre Luke cerca solo di capirne il tono umoristico.

“Wow”

I presenti vengono sorpresi dalla presenza di Rose, che è da un po’ entrata nel castello DeLuc assistendo alla scenetta.
Benjamin: Rose…
Ben si alza, Matthew sorride, contento di vederla.

Rose: è divertente che tu dica tutte queste cose carine nei miei confronti, Tatia. Considerando che il fatto che io ti abbia salvata e abbia salvato tutti gli altri innumerevoli volte è il motivo per il quale puoi parlare, infagarmi e continuare ad insultarmi. Cosa ha incendiato quest’odio, si tratta di Luke?!
Tatia: non toccare l’argomento.
Rose: wow, credo di aver centrato il punto, vero?

Luke interviene, deve.
Luke: Rose, cosa è successo?!
Tatia, stufa di tutto questo, procede infastidita verso il piano superiore.
Tiberius: oh, adesso sì che si fa interessante. FINALMENTE!

Rose: sì, mi ha presa Jack.
Rose e Ben si guardano, cercando di mantenere la calma e la lucidità, è difficile pensare che abbiano avuto/avranno dei figli insieme in questo momento.
Benjamin: quindi lo sai?
Rose: non so tutta la storia. Cosa ci fanno loro qui?
Rose si riferisce ad Emma, Mina ed Anne.
Rose: come mai lui è libero?!
La strega si riferisce ad Andy

Matthew: mettiti seduta.

“Ha ucciso suo fratello?!”

Rose, sconvolta dalla spiegazione di Emma – avvenuta per la seconda volta nel salone del castello DeLuc, è semplicemente grata di essere seduta.
Tiberius: sembra di guardare una replica in continuazione!
Emma: devi capire, che qualcuno sta manipolando Jack.
Benjamin: cosa vuoi dire?
Emma: non sappiamo di chi si tratta, non sappiamo chi sia ma deve essere la stessa persona che sta giocando con il tempo, la stessa persona che hai già incontrato, Rose.
Rose: la figura incappucciata.
Luke: forse è Ardens. Lui riesce a manipolare le persone in quel modo.
Luke parla davvero per esperienza personale.
Emma: no, Ardens è a Villa Whittermore con Arbor. È al sicuro.
Benjamin: Arbor, dobbiamo chiedere aiuto a lui. Saprà cosa fare.
Matthew: ma se Jack ce l’ha così tanto con Rose, non credete che possa arrivare da un momento all’altro?
Mina: Jack è estremamente potente. È il mago più potente dei suoi tempi insieme a…
Rose la guarda, curiosa
Rose: insieme a…?
Andy: me.
Andy si alza, procedendo verso Rose.
Rose: chi sei tu?
Andy: non posso dirtelo. Non ancora. Non fino a quando non saremo certi che il nostro ritorno non abbia davvero influenzato il futuro.
Rose: ovviamente l’ha fatto.
Matthew: già, non avete mai visto RITORNO AL FUTURO? È la bibbia.
Mina: non siamo sicure che funziona così. Forse questo era già successo. Forse eravamo già tornate indietro e semplicemente non lo sapevamo.
Emma: c’è un dettaglio del nostro futuro che è diverso.
Emma guarda Bright, che annoiato, non è molto concentrato sulla storia.
Rose capisce esattamente cosa vuole Emma.
Rose: Emma, vieni con me.
Matthew: cosa?!
Benjamin: vengo anche io.
Matthew: ok, allora vengo anche io.
Rose guarda Matt
Rose: no.
Il vampiro-angelo indietreggia.
Rose: Matt, per favore.
Benjamin: è una questione di famiglia.
Matt – chiaramente ferito – ma non lo darà a vedere, se ne va dalla sua parte.

Rose: voglio che venga anche tu.
Rose guarda Andy
Andy: ok.

“Voglio che mi ascoltiate attentamente”

Rose guarda Emma ed Andy, insieme a Ben i quattro sono entrati nella serra del Castello DeLuc per avere un po’ di privacy.
Rose: non voglio che vi lasciate influenzare dalle vostre preferenze, voglio che siate onesti. Chiunque voi siate, il fatto che rappresentiate qualcosa per i miei…
Rose fa ancora fatica a dirlo, è così difficile.
Rose: non toglie il fatto che dobbiate dirmi la verità.
Emma: te l’abbiamo detta. Oliver è tornato indietro per fermare Ardens.
Rose: no, Arbor ha fermato Ardens.

Emma: questo è ciò che ricordate voi perché Oliver ha cancellato i vostri ricordi.
Benjamin la guarda, curiosa
Benjamin: stai dicendo che abbiamo incontrato Oliver?
Andy scoppia in un pianto improvviso, non riesce a controllarlo. Rose si avvicina al ragazzo.
Rose: eri suo amico?
Andy non riesce neanche a rispondere in questo momento.
Emma: era il suo migliore amico.
Rose: mi dispiace. Mi dispiace tanto, Andy.
Il ragazzo la guarda, in questo momento vorrebbe semplicemente dirle tutto.
Benjamin: hey…
Ben, empatico, si avvicina al ragazzo dandogli una pacca sulla spalla.
Andy: sto bene, mi dispiace.
Emma: ascoltate, so che Jack sembra il cattivo della storia qui.
Rose: forse lo è.
Emma guarda Rose, sorpresa dalla risposta.
Emma: no, è solo stato manipolato.
Andy: VUOI SMETTERLA?!
Andy lo urla e basta.
Andy: ha ucciso Oliver. E non è l’unica cosa atroce che ha fatto e lo sai. So che lo ami e lo rispetto. MA APRI GLI OCCHI.

Andy si allontana dalla serra, nervoso. Emma lo segue, lasciando Ben e Rose da soli.

Emma: Andy, ANDY!
Emma segue Andy per il percorso che porta all’entrata del castello.
Emma: per favore, FERMATI!
Andy, dopo qualche secondo lo fa, voltandosi verso di lei.
Emma: ti prego, ragioniamo. Stavo riuscendo ad entrare nel cuore di Jack.
Andy: ha un cuore?!
Emma lo guarda, capisce esattamente perché lui ce l’abbia tanto con Jack.
Emma: per favore.
Andy: no, Emma. Da questo momento farò a modo mio.

Emma: cosa vuoi dire?
Andy: seguirò il mio piano.
Emma lo guarda, confusa.
Emma: qual è il tuo piano?
Andy: qual è il mio piano? Fermare Jack, ucciderlo e portare indietro Oliver.
Emma: non te lo lascerò fare.
Andy: beh, allora penso che sia mago contro strega. Ricordati che sono buono e dolce, Emma e ci tengo a te. Ma sai anche chi sono i miei genitori e quindi che tipo di potere ho. E sai quanto tenga ad Oliver. Non voglio farti del male.
Emma: Jack non merita di morire per questo. Non ancora. E non ho paura di te.
Andy: non è il primo errore che commetti.
Emma: ho due potenti streghe dalla mia.
Andy: solletico per me.

Colonna Sonora: I’m Gonna Be

Il silenzio nella serra è molto fastidioso sia per Ben che per Rose. Nessuno dei due è in grado di parlare per primo. In fondo, cosa dovrebbero dirsi?
Benjamin: stai bene?
Ben inizia con la cosa più naturale del mondo. Rose annuisce, anche se non è esattamente la verità.

Rose: ho chiamato Meredith, le ho detto che stavo bene e che stiamo risolvendo.
Benjamin: questa situazione è…
Rose: assurda?
Benjamin: sì.
I due si guardano, tentando di venire a patti con il fatto che avranno dei figli. A questo punto si chiedono, sarà DAVVERO così, considerando tutto ciò che è successo?
Rose: è difficile anche solo pensare che avremo dei figli, considerando che… non stiamo neanche insieme.
Benjamin: e che fai viaggi a Bakersville con Matthew.
Rose guarda Ben, sorpresa
Rose: come lo sai?!
Benjamin: ero lì. Ero a Bakersville, vi ho visti.
Rose: perché eri a Bakersville?
Benjamin resta in silenzio.
Rose: vedi? Questo è esattamente il motivo per cui sono andata con Matthew.
Benjamin: smettila.
Rose: no. Non mi dici più niente. Mi hai lasciata senza una reale motivazione.
Benjamin: senza una reale motivazione? È arrivato tuo figlio dal futuro PER LA STESSA IDENTICA MOTIVAZIONE.
Ben non voleva essere così duro, è semplicemente uscita male.
Benjamin: mi dispiace…
Rose: no, hai ragione. Capisco l’intera faccenda del “non capisci l’oscurità,” MI DISPIACE se non la capisco, ok?! Questo non significa che non ami mio figlio o…
Benjamin la guarda, pronto a sentire.
Rose: te.
Benjamin: e cosa provi per Matthew?
Rose: lui è presente. Sincero. Mi fa ridere. Condivide tutto con me.
Benjamin: bene, hai trovato un nuovo fidanzato, spero che lui possa renderti felice.
Rose: non fare il bambino, Ben.
Benjamin: ha tutto ciò che io non ho. Dovrebbe riuscire a farti felice.
Rose: ero felice con te. E poi hai deciso di portarmelo via. L’HAI DECISO TU!
Ben abbassa il capo, non vuole davvero piangere in questo momento. Non davanti a lei.
Benjamin: cosa hai intenzione di fare con Jack?
Rose non è sorpresa che Ben abbia cambiato discorso.
Rose: dobbiamo fermarlo.
Benjamin: cosa intendi per “fermarlo”?
Rose: è pericoloso. E non si tratta di capire o meno l’oscurità, si tratta del fatto che ha ucciso Oliver, NOSTRO figlio – o nostro PROBABILE figlio, visto che non sappiamo davvero come funzioni il tempo a questo punto. Potrebbe aver ucciso Gabriel.
Benjamin: non farò del male a mio figlio. Troverò un’altra soluzione.
I due si guardano, neanche Rose ha intenzione di fargli del male, ma se sarà necessario…
Rose: buona fortuna, allora.
I due sono ormai ad un punto cruciale. Entrambi con idee diverse. Entrambi troppo testardi e cocciuti per fare pace o mettersi d’accordo in questo momento.

CAMERA DI LUKE, CASTELLO DELUC

“Uh, allora sei qui!”

Luke entra nella stanza sbottonandosi la camicia, ha davvero bisogno di cambiarla. Tatia è sul letto, annoiata.

Tatia: Ben e Rose avranno dei bambini. Questo vuol dire che dovrò avere a che fare con lei per tutta la mia vita. E poi voi sareste quelli maledetti.
Luke la guarda, sorridendo.
Luke: perché improvvisamente tutto quest’odio per Rose?
Tatia: non crederai davvero a quello che ha detto, vero? Non sono mai stata nel suo team.
Luke: beh, devi ammettere che sei un po’ dura ultimamente.
Tatia: va bene, difendila, come al tuo solito.
Luke fa un grosso sospiro, anche se non ne ha bisogno – è un’abitudine – si avvicina al letto, spostando le bellissime gambe della ragazza e mettendosi seduto.
Luke: ascolta, vuoi dirmi cosa ti disturba davvero?

Tatia: pensavo di riuscirci.
Luke: riuscire a fare cosa?
Tatia: a non sentire niente per te. Sei… ti odio.
Luke: non mi odi, lo sai.
I due si guardano, in un breve ma intenso momento.
Tatia: non voglio sentire queste cose per te se andrà così. Se Rose sarà sempre al centro del tuo mondo.
Luke abbassa lo sguardo
Luke: Rose non è al centro del mio mondo. Non più.
Tatia: potrai anche dirlo ma… non sembri sincero.
Luke: devo essere perdonato, Tatia. Ne ho bisogno.
Luke è sincero nel dirlo, finalmente lo ammette.
Tatia: perché?!
Luke: per Bright. Per Evan. Per Mary. Per i Misfit.
Tatia: smettila di torturarti. Nessuno è santo sotto questo tetto.
Luke: non mi interessa degli altri, onestamente.
Luke pone una mano sulle gambe della ragazza.
Tatia: ho visto una maratona di Everwood su Abc Family lo scorso week-end.
Luke: davvero?
Tatia: sì, e credo di poter riassumere l’intera faccenda con una frase che Ephram dice ad Amy.
Luke: beh, visto che sei la regina dei riassunti, se vuoi…
Tatia guarda Luke negli occhi, di nuovo.
Tatia: “non posso continuare ad essere la tua seconda scelta, non quando tu sei la mia prima.”
La ragazza si alza, finalmente.
Tatia: fammi sapere quando sarò la prima. Se sarò ancora lì ad aspettarti, ovviamente.
La ragazza lascia la stanza, il vampiro si concede qualche minuto solo per riflettere sulle parole che sono state dette in quella conversazione.

CUCINA DEL CASTELLO DELUC

Evan sta preparando del sangue da scaldare, l’ansia gli fa venire fame. Mentre lo fa, avverte delle mani che lo stringono in vita, sono quelle di Bright. Il vampiro si scansa velocemente, facendo quasi cascare la bottiglia di sangue.
Bright: hey…
Evan lo guarda, confuso
Evan: cosa stai facendo?
Bright: ti stavo abbracciando. Non posso?!
Evan non riesce davvero a capire.
Evan: abbracciarmi? Per mesi mi hai trattato come se avessi la peste e ora vuoi abbracciarmi?
Bright: mi manchi.
Bright dice la verità, è davvero così. Non sa spiegarlo e non sa come sia successo, ma è così e basta.
Bright: e non ti ho trattato come se avessi la peste, semplicemente non ricordavo chi fossi.
Evan: e ora te lo ricordi?
Bright fa cenno di no con il capo
Bright: non ricordo ancora. Ma sento… sento che devo starti vicino. Sento che…
Evan: smettila.
Bright: perché sei cattivo con me?
Evan: non sono cattivo. Sono realista. Mi hai visto… flirtare con Andy.
Bright: allora STAVI FLIRTANDO.
Evan: no, ma è questo che hai pensato, ed eccoci qui. Non sono più il cagnolino ai tuoi servizi.
Bright: non credo che tu sia un cagnolino ai miei servizi.
Evan: lo sai, IO NON ERO COSI’!
Evan lo dice e basta, STUFO di questa situazione, stufo di sentirsi in quel modo.
Evan: ero io quello menefreghista. ERO io quello che si allontanava. Ero io… IO. E poi mi hai fatto diventare così, e improvvisamente è tutto dannatamente difficile e duro e… fa male.
Bright, con i suoi meravigliosi occhi chiari, guarda Evan mentre perde il controllo. In un gesto di rabbia, il marchiato butta a terra la bottiglia di sangue.
Bright: mi ami ancora?
L’angelo vampiro lo dice e basta, sperando di ottenere la risposta che vuole.
Evan: non posso smettere di amarti. Non ne sono in grado, non ne ho le capacità. Neanche se volessi e credimi alcune volte ho voluto in questi mesi. Ma essere innamorati e voler stare insieme non sono sempre cose che combaciano.

“Va tutto bene qui?”

Benjamin, in cerca di cibo, è appena arrivato in cucina. Bright, ferito in qualche modo dalle parole di Evan, si allontana dalla cucina.

Benjamin: cosa è successo?!
Evan si abbassa per raccogliere i vetri, ma poi – avendo bisogno di un momento – si appoggia contro il bancone del lavandino. Benjamin lo raggiunge, sedendosi accanto a lui.

Evan: sembra una vita che non ci parliamo.
Benjamin: è una vita che non ci parliamo.
Evan: mi manchi da morire.
Benjamin: mi manchi anche tu.
I due si guardano, entrambi emozionati.
Evan: come diavolo si permette di venire qui, dopo tutto questo tempo… a dirmi che forse c’è speranza.
Benjamin: beh, forse c’è.
Evan: sono arrabbiato con lui. SONO FURIOSO con lui.
Benjamin: perché non si ricorda chi sei?
Evan: dovrebbe ricordarselo. Se l’amore che provava era forte…
Benjamin: non penso che funzioni in quel modo.
Evan: hey, sei ancora dalla mia parte?
Ben sorride
Benjamin: sarò sempre dalla tua parte.
Evan: allora, cosa ti turba? Tralasciando il fatto dei figli e…
I due si guardano, scoppiando in una risata improvvisa, è così assurdo dirlo.
Benjamin: è come se io e Rose parlassimo due lingue diverse ultimamente.
Evan: cosa vuoi dire?
Benjamin: l’ho allontanata. Ed è vero. Ma… il fatto che Jack sia qui per questo, per le stesse motivazioni per le quali…
Evan: non penso che Rose sia cattiva. Non penso che possa trattare un figlio in quel modo.
Benjamin: non lo fa appositamente, è un qualcosa di sottile che fa più male di una parola detta in modo chiaro. Lei non potrà mai comprendere l’oscurità. È nata per essere buona.
Evan: e cosa vuoi fare?
Benjamin: devo parlare con Jack, devo risolvere la situazione prima che ci metta mano lei. Devo fare qualcosa.
Evan: beh, se pensi che sia la cosa giusta.
Benjamin lo guarda. Si alza, pronto ad agire.
Benjamin: parlerò con Arbor e… risolverò la situazione.
Evan: vuoi che venga con te?
Benjamin: no, resta qui. Con Bright, con Tatia e tutti gli altri. Lascia questa battaglia a me.
Benjamin avanza verso l’uscita della cucina.
Evan: Ben?
Lo stregone si gira verso l’amico
Evan: ti voglio bene.
Ben gli sorride
Benjamin: anche io.

GIARDINI DEL CASTELLO DELUC

“Io sto con Andy!”
Mina, che ovviamente non prenderà mai le parti di Jack, vuole far sapere la sua ad Emma. Il trio di streghe è uscito dal castello per avere un po’ di privacy.
Emma: non avevo dubbi, Mina.
Mina: l’avevo detto che non potevamo controllarlo. L’avevo detto che era impossibile. Lo conosco.
Emma: non quanto lo conosco io.
Mina: sei accecata dall’amore. Questo non vuol dire conoscerlo davvero.
Anne: litigare non ci porterà da nessuna parte. Siamo venute qui per un motivo, salvare Jack e…

Mina ed Anne svengono, improvvisamente, cadendo a terra.
Emma: oh mio Dio…
“Si riprenderanno tra cinque minuti”

La voce di Jack distrae Emma, che si gira verso di lui.
Emma: Jack, cosa ci fai qui? Cosa è successo?
Jack: mia madre è successa.
Emma: Jack…
La strega si avvicina a lui, pronta a fargli cambiare idea. Qualsiasi cosa richieda.
Emma: Jack, devi ascoltarmi. Qualcuno ti sta manipolando. Qualcuno vuole che tu ti comporta in questo modo, qualcuno ti ha dato falsi ricordi.
Jack: ma di che diavolo stai parlando?
Emma: un manipolatore del tempo. Sai che esistono.
Jack: sono estremamente rari, due documentati nell’intera storia della magia.
Emma: io penso che tu sappia chi possa esserlo.
Jack la guarda, capisce al volo ma… semplicemente non ci crede.
Jack: no, è impossibile. E poi non mi manipolerebbe mai.
Emma: forse lo sta facendo per conto di qualcun altro.
Jack: sono il mago più potente del mondo. NESSUNO può manipolarmi.
Jack parla a denti stretti, furioso.
Emma: forse il tuo stesso sangue può farlo.
Jack: smettila.
Emma: per favore, ferma questa pazzia. Non posso proteggerti per sempre.
Jack: non devi. Vattene.
Emma: cosa?!
Jack: scappa da Twinswood. Vattene da qui, vivi la tua vita. Io non mi fermerò e non voglio che rischi tutto per me.
Emma: lo vedi? Tu provi qualcosa.
Jack: mia madre deve pagarla. Sei dalla sua parte? Bene. Vuoi essere dalla mia? Te l’ho detto, SCAPPA. Vattene da qui. Compra un appartamento a New York, vai all’università, studia psicologia… sii felice.
Emma: puoi esserlo anche tu.
Jack: no, io non posso. Non fino a quando non l’avrò punita.
Emma: che cosa intendi per punita?!
Jack: la più grande delle punizioni.

Anne e Mina iniziano a svegliarsi, Emma – distratta – si gira verso di loro. Quando riposa lo sguardo nella direzione di Jack, lui non c’è più.

CAMERA DI LEDA, CASTELLO DELUC

Schermata 12-2457367 alle 14.14.35

Rose entra nella stanza, cercando l’amica vampira, che è proprio lì, sul suo letto.
Rose: hey.
Leda: hey.
Rose: avevo bisogno di allontanarmi un po’ dalla folla.
Leda fa cenno a Rose di andare accanto a lei. La strega procede verso il letto.
Leda: Rose, devo dirti una cosa o meglio devo darti una cosa.
La vampira si fa avanti verso il comodino accanto al suo letto, prendendo LA FOTO che ha trovato insieme a Lucas giorni prima.
Rose: che cos’è?
Leda: l’ho trovata settimane fa. Mi dispiace di non avertela data ma… non mi sembrava mai il momento adatto e…
Rose guarda l’immagine. Si tratta di lei, decisamente più avanti nell’età, con TRE bambini.
Rose: non capisco.
Leda: beh, ora che abbiamo i guerrieri del futuro, potresti decisamente chiedere.
“ODIO ODIO I MASCHI!”

Bright entra nella stanza, sbuffando e buttandosi sul letto insieme a loro.
Leda: che cosa stai facendo?
Bright: ho bisogno di un po’ di girl talk.
Bright guarda Rose, curioso.
Bright: hai paura?
Rose: sì.
Bright: bene. Stimola l’adrenalina.
Leda: da quanto tempo non eravamo noi tre soli in una stanza? Il trio originale.
Rose: non lo so. Non ricordo.
Bright: io non posso decisamente ricordarlo.
I tre scoppiano in una risata, assieme.
Bright: eravamo così uniti?
Leda: sì. Ci riunivamo in un letto o in cucina e…
Rose: spettegolavamo, preparavamo pozioni…
Bright: sembra divertente. Potremmo farlo qualche volta.
Rose, Leda e Bright si guardano, sembra quasi di essere tornati – per qualche minuto – ai vecchi tempi.

“Ti serve una seduta dallo psicologo?”

Talos guarda Matthew che è venuto a portargli del sangue.
Matthew: il tuo fidanzato è di sopra, ti manda i suoi saluti.
Talos sorride, mentre beve il sangue affamato.
Matthew: ho bisogno di un consiglio.
Talos si lecca le labbra sporche.
Talos: un consiglio?
Matthew: sei sempre stato il saggio tra i due. Quindi, dimmi una cosa.
Talos: liberami.
Matthew: no. Non ora.
Talos sbuffa, infastidito.
Talos: cosa vuoi sapere?
Matthew si prende del tempo, cercando di formulare la frase nel modo giusto.
Matthew: se ami qualcuno e vuoi assicurarti che rimanga vivo.
Talos: parli di Rose?
Matthew: ascoltami. Se devi arrivare a ferire, a far male a qualcuno che ama…
Talos: suo figlio?
Matthew: VUOI ASCOLTARMI?
Talos: scusa, rendevo il tutto più palese.
Matthew: è accettabile?
Talos: ferire suo figlio per salvare lei?
Matthew abbassa lo sguardo, si vergogna quasi di averlo solo pensato.
Talos: sai bene più di chiunque altro che farei di tutto per amore. Per preservare la persona che amo, quindi… eccoti la tua risposta.
Matthew lo guarda, finalmente.
Matthew: grazie per la chiacchierata.
L’angelo vampiro prende la bottiglia di sangue, andando verso il piano superiore.

Colonna Sonora: As Long As You Love Me

Camminando lungo il corridoio del primo piano del Castello DeLuc, Matthew si imbatte in Rose. È seduta a terra, insieme al libro.

Matthew: hey…
Rose, quando lo vede, si alza, raggiungendolo.
Matthew: non mi ero mai reso conto di quanto questo castello fosse grande.
Rose: beh, è un castello.
Matthew sorride. Rose si avvicina ancora di più.
Rose: Ben se n’è andato. Credo che stia cercando un modo di raggiungere Jack.
Matthew: sei preoccupata?
Rose: certo.
Matthew: bene. Bene.
Rose: Matt, devo dirti una cosa.
La tensione tra i due è palpabile. Qualsiasi mossa, qualsiasi parola a questo punto, vorrebbe dire qualcosa di più.
Rose: dovrò affrontare Jack. E non voglio che tu venga con me.
Matthew la guarda, spaesato.
Matthew: cosa?! Hey, squadra che vince non si cambia.
Rose: Matt, ti prego. Non voglio… non voglio che ti succeda qualcosa. Tengo troppo a te.
Matthew si avvicina alla parete, crede di aver capito quale sia il problema.
Matthew: so cosa vuoi dire, sono solo un angelo, un angelo-vampiro. Non ho i poteri che hai tu, non ho i poteri che ha Ben. Non posso difenderti.
Rose: infatti, sei un angelo. Non so come sarei sopravvissuta a questo periodo senza di te. Credo che ci sia molto ancora dell’angelo dentro di te, è solo che non vuoi ammetterlo.
Rose lo raggiunge di nuovo, gli mette una mano sul petto, cercando di fargli capire quanto si fida di lui. Quanto ci tenga.
Matthew: non puoi legarmi. O meglio, potresti, ma preferirei in altre situazioni.
Rose sorride, divertita. È proprio da lui.
Rose: per favore…
Matt avvicina il suo viso a quello di Rose; le fronti dei due si toccano e i loro nasi si sfiorano, le loro labbra sono ad un passo da un bacio. Il cuore di Rose assume un ritmo inaspettato, e se il cuore di Matt potesse battere uscirebbe fuori dalla gabbia toracica. Entrambi sanno, tuttavia, che non è il momento. Non ancora. Non prima di una battaglia, non prima di un rischio. Si allontanano.
Matthew: hai qualche asso nella manica?

“Sì, ce l’ha”

Andy interrompe i due, facendosi avanti.

CUCINE DEL CASTELLO DELUC

“Qui non dovrebbe esserci nessuno”
Andy controlla bene che il posto sia libero, non vuole che nessuno tranne Rose ascolti ciò che sta per dirle.
Rose: dove sono Emma, Anne e Mina?
Andy: saranno andate a gestire il loro piano. Ecco perché siamo qui.
Rose: non voglio una guerra civile.
Andy: non è quello che sta succedendo. Puoi fermare Jack.
Rose: come?!
Andy: so dove si trova. Sotto l’università.
Rose lo guarda, confusa
Andy: c’è un passaggio per Handrar. Per il futuro. Così come al…
Rose: lago blu.
Andy: e ad una porta dell’albergo Wilson.
Rose: Andy, come sei arrivato qui?
Andy: non in un modo tradizionale. Sai che streghe e maghi hanno dei poteri speciali che vanno oltre le normali capacità magiche alcune volte.
Rose: sì, io… dovrei avere delle vite separate.
Andy: esatto. Alcuni possono trasformarsi in delle bestie, altri hanno il dono della premonizione, alcuni hanno il dono del fuoco. Esistono dei manipolatori del tempo.
Rose non riesce a capire
Rose: devo aver saltato quella lezione ad Hogwarts.
Andy: è raro. Estremamente raro. Ci sono poche prove che siano esistiti davvero. Ma io conosco una di queste persone e la conoscerai anche tu.
Rose: quindi suggerisci di andare al sottopassaggio dell’università.
Andy: sì. Io e te possiamo farlo. Possiamo fermarlo.
Rose lo guarda, cercando di ragionarci su.
Rose: quanto siete stati insieme?
Andy la guarda, confusa
Andy: cosa?
Rose: tu ed Oliver.
Andy sgrana gli occhi, sconvolto.
Rose: come l’ho capito?
Andy: non siamo mai stati insieme.
Rose: perché? Sembra che tu lo amassi da morire. Non eri ricambiato?
Andy: penso di essere stato ricambiato.
Rose non ha mai conosciuto Oliver, ma crede di aver capito appieno “una madre lo sa sempre” senza neanche mai vederlo.
Rose: allora qual è il problema?
Andy: Rose, meno ne sai e meglio è… per ora.
Rose: posso chiederti una cosa almeno?
Andy: certo.
Rose: parlami di lui. Parlami di Oliver.
Andy sorride, gli occhi gli si illuminano.
Andy: era l’uomo più gentile, buono e altruista che abbia mai conosciuto. Era spensierato, ma sapeva anche stare alle regole. Ero un po’ egocentrico ma anche terribilmente altruista. Era proprio come te.
Una lacrima riga il volto di Rose.

CASTELLO DELUC, 7:15 del mattino.

Rose ed Andy vanno verso la macchina di Luke, preparandosi alla battaglia. Sono usciti fuori presto per non svegliare gli altri.

“Avevi davvero intenzione di rubarmi la macchina?”

Luke, piuttosto arrabbiato, avanza verso di loro insieme a Matthew.
Rose: cosa ci fate qui?
Matthew: veniamo con voi. Senza storie.
Rose, da una parte, è felice che sia così. Matthew sale in macchina, così come Andy, mentre Rose avanza verso Luke.
Luke: non puoi farmi cambiare idea e non puoi far cambiare idea a Matt.
Rose: lo so.
Rose pone una mano sul viso di Luke.
Rose: cura.
Le cicatrici sul volto del vampiro iniziano a sparire. Rose pone poi una mano sul braccio di Luke.
Rose: cura.
Di nuovo, le cicatrici svaniscono in pochi secondi.
Rose: sei perdonato.
I due si sorridono, consapevoli di aver finalmente raggiunto il punto d’incontro.

TWINSWOOD COMMUNITY COLLEGE, SOTTERRANEI


Matthew: wow, sembra davvero una specie di film horror. I sotterranei del terrore.
Rose, Matt, Luke ed Andy avanzano lungo il locale delle caldaie che porta ad una murata. C’è una sorta di cancelletto a forma di A.
Matthew: originale.
Andy: è visibile solo a creature sovrannaturali.
Andy apre il cancello con estrema facilità, ma probabilmente Jack voleva che fosse così. Una volta aperto, i quattro si rendono conto che c’è dell’acqua a terra, è come se qualcuno stesse allagando il luogo.
Rose: cos’è tutta quest’acqua?!
Andy: andiamo avanti.
Andy, intenzionato a trovare Jack prima di Emma, si fa avanti lungo l’entrata. È buio, c’è un forte rumore di acqua che sgorga.
Luke: sembra di essere tornati sul Titanic.
Rose: da che parte si va?
Andy: non ricordo.
Luke: facciamo così, tu e Matt andate a sinistra io ed Andy andremo a destra. In caso, urlate.
Andy è d’accordo.
Rose e Matt avanzano velocemente verso la sinistra, facendo qualche passo insieme.
Matthew: dovevamo portarci un’ascia o qualcosa del genere.
Improvvisamente, Rose inizia a sentire un forte peso sulla testa, come se qualcuno l’avesse colpita, tentando di guardare Matthew nel buio, si rende conto che l’angelo vampiro sta provando la stessa cosa.
Rose: no…
La strega perde i sensi, cadendo in quel buio labirinto.

 

CASTELLO DELUC, SALONE

Tatia si è appena alzata, non ha molta voglia di sentire i piani e i piagnistei – soprattutto – degli altri, ma il castello le è sembrato stranamente silenzioso. TROPPO SILENZIOSO.
Guardando verso il tavolo da biliardo, la ragazza si accorge che Leda è legata, così come Evan che è costretto sull’enorme lampadario, mentre Bright è tra le mani di Tiberius.
Tatia: oh mio Dio.
Tiberius: beh, streghe idiote. Se ne vanno senza rinnovare l’incantesimo. E lasciano soli i membri meno potenti del gruppo. Devo dirtelo, mi dispiacerà ucciderti, mi eri simpatica.
Evan: LASCIALO ANDARE!
Evan urla contro Tiberius, non vuole che a Bright venga fatto del male.
Tiberius: oh, figlioletto, fino a qualche ora fa non eri tutto “tra noi è finita, amarti non vuol dire voler stare insieme” Sarò anche un super villain meraviglioso, ma almeno sono coerente.
Tatia: BEN!
Tatia urla, cercando aiuto.
Tiberius: oh, non affaticarti cara. Non c’è nessuno. Il solo problema è che non sono riuscito a liberare il mio Talos.
Tatia: io non ho poteri, dovrai aspettare le streghe.
Tiberius: beh, ma nel frattempo posso farmi una mangiata.
Tiberius lancia Bright verso il divano, mentre avanza con i canini di fuori verso Tatia. La ragazza pone le mani avanti, una grossa scarica l’adrenalina l’aiuta a rilasciare tutto il potere che ha sempre trattenuto. Tiberius fa un volo all’indietro, viene scaraventato dai poteri di Tatia verso il camino.
La ragazza si guarda le mani, spaesata.
Tatia: ho i fottuti poteri.
Tiberius, spaventato, in vamp speed procede verso Evan, sganciandolo dal lampadario e pronto a portarlo con se.
Bright: NO!
Bright corre verso i due. USA la poca energia da angelo che gli è rimasta, un fascio di luce accecante colpisce Tiberius, ferendolo gravemente e buttandolo a terra.
Evan riesce a liberarsi. Tiberius perde i sensi.
Bright: oh Dio…
Evan: Bright…
Bright guarda Evan come non lo guardava da mesi.
Bright: ricordo tutto. RICORDO TUTTO.
Evan si avvicina all’angelo, prendendogli il viso.
Evan: cosa?!
Bright: mi ricordo Evan. Mi ricordo tutto. È tornata.
I due, senza pensarci neanche, si scambiano un bacio d’amore. Emozionati, si guardano, si toccano, si annusano.
Bright: oh mio Dio, devo parlare con Rose.
Tatia: lei non è qui, chiaramente.
Leda: scusate se interrompo questo momento, QUALCUNO potrebbe liberarmi?!
Leda, infastidita, parla dal tavolo da biliardo.
Bright: devo trovarla, devo dirle tutto.
Evan: non appena tornerà le dirai della memoria, tranquilla.
Bright: non è questo, DEVO DIRLE CHI SONO. Devo dirle chi sono. SUBITO.
Evan lo guarda, confuso
Evan: chi sei?!

 

TWINSWOOD COMMUNITY COLLEGE, SOTTERRANEI

Le urla in lontananza svegliano Rose; la testa è pesante, c’è un dolore fisso che pulsa come un tamburo assordante sulla sua tempia destra. La schiena è fredda, bagnata, deve essere ancora in quel sotterraneo. Battendo il palmo della mano contro il pavimento si accorge che è così, è ancora lì, e c’è ancora acqua, acqua ovunque.

Facendosi forza – deve – pone l’altra mano a terra, spingendosi su. Alzandosi si accorge che l’acqua è ormai arrivata alle caviglie, e continua a salire. Ancora e ancora.
Rose: MATTHEW!
La strega urla, urla con tutta la voce che ha. Un eco si diffonde per l’immensa sala illuminata appena.
Rose: MATTHEW!
Urla ancora, disperata.
Si gira, ovunque, tentando di capire dove siano tutti.
“Rose, Rose!”
Una voce che conosce bene la porta verso la sua sinistra. Luke è proprio lì. La sua camicia è stracciata, piena di sangue, ma è ancora lì. SENZA ESITARE, Rose corre verso di lui, abbracciandolo fortemente. Il vampiro ricambia l’abbraccio, stringendola a se calorosamente.
Luke: Rose.
Rose: l’ho perso. L’ho perso.
La strega parla a fatica, singhiozzando.
Luke: lo so.
I due si guardano in un momento intenso, cercando di farsi forza, cercando di andare avanti.
Luke: dobbiamo uscire di qui. Dobbiamo uscire subito.
Rose annuisce, prendendogli la mano.
Una luce improvvisa – e offuscante – si fa avanti per tutta la sala, illuminandola, lasciando finalmente intravedere – a terra, non poco da lì – un corpo senza vita che Rose riconosce. Accanto a quel corpo, una figura incappucciata.
In un urlo disumano – che riempie ogni mattoncino nero – Rose si accascia a terra, sconvolta. Sul viso di Luke c’è stupore. Paura. E per una creatura che ha visto di tutto in 400 anni di vita, è dire molto.

La strega a fatica arriva verso il corpo senza vita. È quello di Benjamin.
Rose: NO, NO!
Le urla riempiono l’intera sala.
Un dolore incredibile, fuori da qualsiasi umana circostanza. FORTE, sembra che le abbiano strappato il cuore. Le manca il respiro. Vorrebbe morire.
Rose: no, no, ti prego, no.
Tocca il viso del ragazzo, piangendo sopra di esso.
Rose: no, ti prego apri gli occhi. No no no, ti prego. Ben. BEEEEEEN!
Urla di nuovo in modo straziante.
Matthew raggiunge finalmente Luke, anche lui non riesce a crederci, è sconvolto.
Rose: ti prego, apri gli occhi…
Accasciandosi su di lui, Rose tenta di respirare.
“Ecco cosa ottieni”
Rose guarda in avanti, Jack è proprio lì. La figura resta al suo posto.
Jack: questo è ciò che meriti.
Rose: hai ucciso tuo padre.
Luke e Matthew si guardano, non riescono a capire come Jack possa essere ancora vivo a questo punto.
Rose: hai ucciso tuo padre. Hai ucciso tuo fratello.
Jack: esatto.
Rose: e io ucciderò te.
Rose con urla di dolore, pone le mani avanti squarciando il petto di Jack, non ha neanche bisogno di pronunciare una formula. Il dolore le dà potere. Il sangue del ragazzo inizia a schizzare ovunque, macchiando l’acqua di rosso.
Rose: muori.
Rose lo fa ancora e ancora e ancora. Consumata dal dolore immenso per la perdita dell’amore della sua vita.
Il corpo di Jack viene riempito di ferite, IL SANGUE è ovunque.
Rose: MUORI!
Ancora, ancora e ancora.
Jack si accascia, in ginocchio, morente. Rose arriva verso di lui, infilandogli una mano nel petto. Il ragazzo la guarda, finalmente, parlando a fatica.
Jack: questo è quello che sei veramente.
Jack cade a terra immerso nel suo stesso sangue, pronto a morire.

QUALCHE ORA PRIMA
WILSON HOTEL, STANZA 108

Colonna Sonora: Farewell
Jack: mi è sempre piaciuto fare la barba.
Jack fa la barba ad un Benjamin quarantenne ancora incatenato al muro.
Jack: spero di non farti male, papà.
L’uomo, seppur chiaramente demone al di fuori ormai, con gli occhi rossastri e il tormento che lo rende vuoto, guarda il figlio.
Jack: voglio che tu sappia che ti voglio bene. Sei l’unico che mi ha sempre capito. L’unico che mi ha sempre davvero voluto bene. Non lo dimenticherò.
Jack posa il rasoio guardando verso il letto. Il Benjamin del presente è lì, sta dormendo tranquillamente. È al sicuro. È salvo.
Jack: non posso uccidere mio padre nel presente. Insomma, io voglio nascere. E sarebbe controproducente uccidermi ora.
Il Ben del futuro, quasi come un’animale, ascolta semplicemente ciò che ha da dire.
Jack: ma apprezzo il sacrificio che stai per fare per me.
Jack pone le mani sul viso del Ben quarantenne, ringiovanendone i connotati.
Jack: bel lifting.
Il Benjamin quarantenne, ormai identico a Ben del presente, guarda il figlio.
Jack: mi dispiace.
Jack si pone sopra di lui, iniziando a soffocarlo. Mentre lo fa, e il Ben del futuro si dimena, una lacrima riga il viso del ragazzo, straziato dal dolore per il gesto che sta compiendo. Dopo qualche secondo, il corpo senza vita di Ben del futuro giace sul pavimento della stanza.
Jack avanza verso il Ben del presente, che è vivo e dormiente, pronto a togliergli i vestiti e a metterli al Ben del futuro.

QUALCHE ORA DOPO…

Emma ed Andy arrivano quasi nello stesso e identico momento.
Emma: NO!
Emma corre verso Jack, così come Andy.
Emma: BLOCCA.
Emma riesce – per pochissimi minuti – a bloccare temporaneamente l’emorragia del ragazzo, ma non durerà per molto. Andy guarda in avanti, l’intera sala è stata ormai illuminata. La tomba di Oliver è ora visibile agli occhi di tutti, così come l’ultima pagina del libro incastonata all’interno di essa.
Andy: Emma, per favore.
Emma: no.
I due, contemporaneamente, pongono avanti le mani. Due squarci di luci diverse si interpongono. Iniziano una lotta magica.
Rose: Ben è morto. Ben è morto.
Rose continua a ripeterlo, quasi come se potesse perdere di significato.
Luke: non ha senso.
Matthew, ancora sconvolto da ciò che è appena successo davanti ai suoi occhi, cerca di dare un senso a tutto questo.
Luke: come può Jack esistere ancora?
Rose: Ben è morto. Ben è morto.
La figura incappucciata si fa avanti finalmente. Ma non è tutto, perché se ne fa avanti anche un’altra, sempre incappucciata. Rose guarda la scena.
Matthew: ce ne sono due?
La prima si toglie la maschera nera, rivelando una bellissima ragazza dai capelli castani, con un viso dolce e l’aria buona.

“Mi dispiace, non volevo. Mi ha costretta a fare tutto”
Matthew: chi sei tu?
Rose continua a guardarla, quasi senza un briciolo di emozione.
“Mi dispiace, mamma. Mi dispiace tanto”
La ragazza volta il viso verso Jack; SUO FRATELLO. È la figlia di Rose.
Luke: sei la figlia di Rose?
“Alice. Mi chiamo Alice.”
L’altra figura si fa avanti, in un momento di pura tensione. Si toglie la maschera nera. Si tratta di Elizabeth, la madre di Rose.
Luke: dovevo immaginarlo.
Elizabeth: oh Luke, non essere così pieno di te.

Schermata 12-2457367 alle 15.01.48

Matthew: la mamma di Rose? La mamma di Rose e la figlia di Rose?
Rose continua a guardare il tutto quasi in uno stato catatonico, mentre Andy ed Emma continuano a duellare.
Luke: perché?!
Elizabeth: ho bisogno di Rose, ho bisogno che faccia ciò che non avrebbe mai fatto in condizioni diverse. Con la sua morale. Con la sua voglia di giustizia e salvaguardia del bene. Avevo bisogno che esprimesse tutto il suo potenziale.
Luke: uccidendo suo figlio?!
Elizabeth: sì. Era la via più facile. Non è stato difficile in fondo. Jack era la persona perfetta. È bastato manipolare qualche ricordo, usare sua sorella e i suoi poteri, bisbigliargli cose. È stato più facile di quanto pensassi, in realtà.
Luke: sei spregevole.
Elizabeth: no. Sono stata misericordiosa. Ho dato a Ben e Rose tre mesi di felicità. Ho aspettato. Ho SALVATO BRIGHT!
Matthew e Luke la guardano, sconvolti
Elizabeth: sì, ho interferito con le linee temporali. Bright era troppo importante per essere sacrificato in un’esplosione. Viene fuori che niente è scritto nella pietra, il futuro, se hai un manipolatore del tempo…
Elizabeth guarda Alice, fiera.
Elizabeth: può essere cambiato. Ovviamente bisogna attenersi ad alcune regole.
Elizabeth si toglie il mantello, gettandolo a terra.
Matthew: hai fatto ammazzare Ben, tua figlia non collaborerà mai con te.
Elizabeth: nulla è come sembra. Aspettate di sentire l’intera storia.
Rose continua a sembrare impassibile, guarda ancora il corpo di Benjamin. Lei non sa che è il Benjamin del futuro.
Elizabeth: ho salvato Bright e non perché Evan l’ha fatto diventare un vampiro, sarebbe esploso ugualmente. Quel giorno ero lì, ho controllato la luce e l’ho tirata fuori dal suo corpo. Mi aspetto dei ringraziamenti per questo, un mazzo di fiori, magari più avanti.
Matthew: perché hai salvato Bright?
Elizabeth: non avete davvero ancora capito chi è?
Luke: chi è?
Elizabeth sorride, divertita
Elizabeth: beh, ci arriveremo ma… vorrei spiegarvi l’omicidio di Gabriel, del quale non vado fiera, credetemi.
Luke: sei stata tu.
Elizabeth: quando lo salvai lo scorso Maggio, non feci completamente il mio lavoro. Diciamo che gli ho dato solo qualche mese in più. Quando sembrava non voler morire, letteralmente, sono intervenuta ed ho accelerato i tempi. Alice ha lasciato anche un indizio per Rose, peccato io me ne sia accorta dopo. Ma voglio che tu sappia, Rose…
Elizabeth si avvicina lentamente alla ragazza.
Elizabeth: voglio che tu sappia che Gabriel doveva morire affinché Bright potesse restare in vita.
Rose: hai ucciso Ben.
Elizabeth: ok, parliamo di questo… Ben è…
Rose non lascia finire Elizabeth, pone le mani avanti.
Rose: memento mori.
Elizabeth viene scaraventata all’indietro da una luce rossastra. Muore sul colpo. Rose ha ucciso sua madre.
Matthew: Rose…
Matt e Luke, sconvolti, tentano di riprendersi.
Alice: oh mio Dio.
Rose si gira, pronta ad allontanarsi dalla sala. Procede. Mentre cammina, dei cambiamenti fisici iniziano ad avvenire in lei, i capelli assumono una tonalità più scura, mentre il contorno degli occhi diventa rossastro. Non volendo bagnarsi, ROSE SI ALZA IN VOLO.
Matthew: Rose, per favore, ASCOLTAMI!
Matthew corre verso di lei, urlando.
Rose: non sento più niente.
La strega – ormai palesemente cambiata – esce dall’enorme sala, mentre Emma ed Andy continuano a scontrarsi a morte.

Colonna sonora: Adagio for Emily

Rose sente il terriccio, si chiede dove sia finita, si chiede dove sia. Apre gli occhi. Riconosce il posto davanti a sé. Si tratta del lago Wilson. È a casa Wilson.
La ragazza si alza a fatica. Pur non avendo mai vissuto una vera sbornia, la sensazione è quella. Avanza verso la casa. C’è qualcosa di diverso, una recensione. Meredith ha sempre voluto farla ma Rose si chiede come sia saltata fuori in un giorno.
Guardando in basso, nota anche un altro dettaglio, i suoi capelli sono molto più lunghi. A fatica sale le scale del portico che portano all’entrata principale. Suona.
Ad aprire la porta è un bambino. Moro, avrà sui 4 anni.
Rose: e tu chi sei?
“Ron, Ron vieni qui”
Lo sceriffo Morrison arriva alla porta vedendo la ragazza.
Morrison: oh mio Dio, MEREDITH, MEREDITH!
L’uomo urla, estasiato.
Rose: Morrison, che succede?
Meredith: che cosa succede?
Meredith arriva alla porta, ed è come se avesse visto un fantasma.
Meredith: oh mio Dio. Oh mio Dio, non posso crederci.
Meredith avanza verso Rose, abbracciandola fortemente.
Rose: non capisco, che diavolo sta succedendo?
Meredith guarda Rose
Rose: ricordo solo di essere andata nei sotterranei dell’università. Devono avermi fatto un incantesimo, mi sento così strana. Quanto è passato, un giorno? Delle ore? Sono andata stamani.
Meredith: Rose…
Meredith, quasi impaurita di dire la prossima frase, la guarda.
Meredith: sono passati cinque anni. Sono cinque anni che sei scomparsa da Twinswood.
Rose la guarda, sconvolta.

Fine episodio.

Cari lettori, che dire?

Spellbook continua ad essere un grandissimo successo ed il merito è tutto vostro. Mi raccomando: commentate l’episodio, così magari ci salutiamo anche per le vacanze, se volete farlo su twitter usate l’hashtag #Spellbook

SPELLBOOK tornerà Giovedì 24 Marzo alle 16:00, con la premiere della 4B

Comments

comments

35 thoughts on “Spellbook 4×08 Written in Stone I/4×09 Written in Stone II

  • 10 dicembre, 2015 at 3:57 pm
    Permalink

    OH MIO DIO

    Non so cos’altro dire, davvero.

    • 10 dicembre, 2015 at 4:02 pm
      Permalink

      Ahah, bene!

  • 10 dicembre, 2015 at 3:58 pm
    Permalink

    Questo è stato in assoluto l’episodio più bello di Spellbook. Complimenti Luigi!

    • 10 dicembre, 2015 at 4:02 pm
      Permalink

      Grazie mille, Giorgia! 🙂

  • 10 dicembre, 2015 at 4:03 pm
    Permalink

    E io che pensavo che finale peggiore di Once non poteva esistere!

    Ho creduto davvero che tu avessi fatto fuori Ben, il MIO Ben!.

    Che Jack si fosse fregato della sua stessa vita pur di avere vendetta. Poi ho capito. C’era un piano dietro, ma…hai davvero rischiato di perdere una lettrice accanita, Luigi. Ormai ci conosciamo da un pò, sai che AMO il personaggio di Ben. Hai rischiato molto.

    Ed eccolo il balzo temporale! Bene… vedremo dove ci porti. Molte, forse troppe domande le hai lasciate irrisolte : la domanda non è: Come ci arriviamo noi a marzo?

    La domanda è… come ci arrivi a marzo, TU con un gruppo abbastanza ampio e accanito di lettori che ti daranno il tormento pur di avere queste risposte? Eh Luigi? pensi di riuscire a tenerti tutti questi segreti, Luigi? Di passare i prossimi 4 mesi senza dirci nulla? Eh Luigi?

    Ok, adesso passiamo alla parte bella. Non ostante tu abbia distrutto TUTTO. Queste 4×08 e 4×09 sono state tra le puntate più belle.

    Hai regalato un momento di gioia ad tutte le ship presenti nella serie.

    Gioia, emozione, dolore, paura, rimorso, rimpianto. C’era tutto!

    Sono molto curiosa di saperne di più sul comportamento di Elizabeth (credo che sapesse che Rose l’avrebbe uccisa una volta scoperta la verità, e credo che sapesse che sua figlia l’avrebbe uccisa) , e su dove è stata Rose in questi 5 anni.

    Di una cosa sono sicura, Matt e Ben, e probabilmente anche Luke, la stanno cercando. Voglio credere che abbiano passato gli ultimi 5 anni a cercarla.

    Non posso fare altro che dirti che AMO Spellbook, e che, anche se sono davvero, davvero, davvero… confusa e un pò arrabbiata (marzo è troppo lontano)

    Sono orgogliosa del tuo lavoro. E la mia stima per te è immensa.

    Buone Vacanze Spellbook, e ci leggiamo domani con l’altro mio tesorino ( Christopher Wittemore)

    Angy 🙂

    • 10 dicembre, 2015 at 4:10 pm
      Permalink

      Ma grazie davvero, io sono orgoglioso di te e di tutti i miei lettori.

      Dunque, è vero, molte domande sono rimaste irrisolte ma è un bene e lo capirete nella 4B. Onestamente, non volevo bruciarmi tutti gli assi nella manica.

      Son contento che ti sia piaciuto. Grazie mille! 🙂

  • 10 dicembre, 2015 at 4:30 pm
    Permalink

    Bellissimo finale, mi ha fatta emozionare tantissimo. Veramente bravo Luigi!

    • 10 dicembre, 2015 at 5:29 pm
      Permalink

      Grazie mille! 🙂

  • 10 dicembre, 2015 at 4:33 pm
    Permalink

    Bellissimo episodio! Vado matta per i casini temporali! Ora vado a cercare risposte, addio.
    *si alza in volo e se ne va*

    • 10 dicembre, 2015 at 5:31 pm
      Permalink

      Grazie mille.

    • 10 dicembre, 2015 at 5:31 pm
      Permalink

      “si alza in volo e se ne va” AHAHAHAHA MORTO

  • 10 dicembre, 2015 at 4:40 pm
    Permalink

    O MIO DIO.
    Questo è decisamente il miglior Mid Season Finale di sempre. Ho adorato, anzi AMATO quest’episodio. Mi hai fatto emozionare solo come tu sai fare.
    Hahah non riesco a scrivere bene per quanto sono in subbuglio. Anyway, ho letteralmente saltellato quando Bright ha riavuto i suoi ricordi amori . la scena Roke è stata qualcosa di fantastico. Matt e Rose mi fanno emozionare come non so cosa, ma credo che alla fine sia merito tuo. Ma Ben? È uscito da quella stanza o è ancora rinchiuso li? Elizabeth? Che gran figlia di ****** .. Scusate, ma la sua morte è più che meritata. C’è andato di mezzo Jack e il Ben del futuro e la cosa mi è dispiaciuta moltissimo. Oh.. La mia povera Rose. Penso che l’oscurità ha iniziato a prendersi anche lei. Non vedo l’ora di leggere la 4B *.* Alla prossima caro Luigi. Grazie di tutto.

    • 10 dicembre, 2015 at 5:33 pm
      Permalink

      Aw sono così contento, grazie mille. Jack è ancora vivo, comunque. STA PER MORIRE, ma non si conosce il suo futuro, vedremo se Emma riuscirà a salvarlo.

      Grazie mille, carissima! 🙂

  • 10 dicembre, 2015 at 4:47 pm
    Permalink

    Oddio Luigi prima o poi mi farai morire lo so!!!

    Episodio fantastico come sempre…e con grandi colpi di scena.
    Elizabeth stronza colossale, figuriamoci se non c’era di mezzo lei, ha messo in mezzo tutti i figli di Rose per cosa? per poterla rendere malvagia? sapevo che questa donna non aveva un cuore ma non fino a questo punto.
    Straziante il cambiamento di Rose…esattamente come Willow quando muore Tara, si sente in modo quasi tangibile il dolore e lo strazio che prova.

    Finalmente Luke è stato perdonato, almeno da Rose…ha espiato le sue colpe. Al quasi bacio MattRose stavo per urlare dalla gioia ma sul più bello…no oddio si sono fermati, mifarai
    fermare il cuore uno di questi giorni!!
    Però è stato un momento davvero coinvolgente e intenso, sicuramente si vogliono, sono attratti l’uno dall’altra, per Matt è amore, per Rose magari ancora no, ma hanno bisogno l’uno dell’altra…queste sono le storie che amo, quelle che crescono poco a poco diventando sempre più esplosive!

    I figli del futuro sono tutti badass, Andy Jack e la figlia di Rose sono strapotenti….sale la curiosità su di chi sia figlio Andy, ci deve essere un legame particolare con la famiglia di Rose, lei ha capito subito dell’amore che legava Andy e Oliver, straziante anche quella scena. A Mother knows best <3

    Sono letteralmente morta dal ridere con Tiberius che chiede l'albero genealogico che non ci capisce niente….ahhahahahaha caro Tiberius nemmeno noi lettori ci capiamo qualcosa, è tutto un
    casino pazzesco XD

    Per farla breve…Bright è tornato, diciamo addio a Bitchright (mi mancherà), è urgente che Rose sappia chi è….eh sarei curiosa, chi cacchio è? ho mille dubbi e troppe teorie diverse.
    E' urgente che lei lo sappia…quindi è vitale per la battaglia, sa qualcosa che noi non sappiamo…e fa pensare che l'abbia sempre saputo a meno che questo nuovo ritorno di memoria non abbia scatenato in lui delle memorie che nemmeno il Bright normale sapeva di avere.
    Elizabeth dice "ancora non l'avete capito?" quindi deve essere una cosa quasi ovvia…figlio di Rose? troppo ovvio! Magari è una parte di Rose, quella buona e innocente resa angelo in modo da aiutarla a prendere la strada giusta (senza successo direi)?

    Emma un po' una pigna in culo….va bene amare Jack ma anche se è stato manipolato da qualcuno ha ucciso Oliver, suo fratello e in ogni caso ex di Emma…per lei conta qualcosa o è talmente accecata dall'amore da non capire? manipolato o no è comunque un assassino, non dico che debba morire ma nemmeno cercare di portarlo sulla strada della redenzione con due moine.

    Rose, Rose…cara Rose. WHAT THE FUCK????
    La perdita (non proprio) di Ben l'ha davvero destabilizzata, ha ferito mortalmente Jack ed ucciso sua madre. Se non riusciva a capire cosa fosse l'oscurità…adesso purtroppo lo sa, o meglio lo saprà quando si ricorderà cosa ha fatto.
    E naturalmente la storia finisce sul più bello…Rose sembra tornata normale ma sono passati 5 anni, ricorda solo di essere andata nel sotterraneo, qualcuno le ha cancellato la memoria! chi è lo
    Xander e Giles di turno che la faranno tornare normale?
    Avrà passato questo tempo con gli altri del gruppo? Oddio ho mal di testa hahahahahaah

    Quindi ricapitolando dietro ci sono Elizabeth e la figlia di Rose…che ha aiutato la nonna ad alterare i ricordi di Jack in modo da avere una percezione errata della madre nel futuro…davvero in questa famiglia di sono abbastanza mele marce.

    Rivedremo mai Ardens? e poi Elizabeth gran signoradellasera come si sarà messa in contatto con la nipote nel futuro?

    • 10 dicembre, 2015 at 5:37 pm
      Permalink

      ELIZABETH SIGNORA DELLA SERA AHAHAHAHA

      Sono tutte domande che avranno risposta, promesso.

      Comunque l’ìntera stagione era incentrata sul dover far capire cosa fosse l’oscurità a Rose. E ORA lo capirà, finalmente. E ho in mente un percorso fantastico.

      Grazie mille per il meraviglioso commento! 🙂

  • 10 dicembre, 2015 at 5:14 pm
    Permalink

    aaaaaaaaaaaaaiiiiiiiiiiiiiiiuuuuuuuuuuuuutttttttttttooooooooooo, un episodio spettacolare.
    Abbiamo avuto le risposte che volevamo anche se non quelle su Bright e Andy e sono successe tante cose OMG.
    Che bello a Bright è tornata la memoria, lui e Evan sono bellissimi, mi mancavano tanto.
    Mi piace Jack ma mi piaceva anche Oliver vorrei che tornassero tutti e due, che facciano qualcosa per aggiustare il futuro e poter esser felici con la loro famiglia e anche con Emma e Andy.
    Ben non è morto per davvero eh luigi? ç______________ç e Rose cosa ha fatto in quei 5 anni?
    poi mi piaceva un po’ anche con Matt ora e speravo di vedere cosa succedeva.
    Elisabeth >_________________< la odio.

    Spero che arrivi in fretta marzo perché questa storia è bellissima e voglio sapere cosa altro succederà.
    Ciao ciao

    • 10 dicembre, 2015 at 5:47 pm
      Permalink

      Jack per ora non è morto, comunque.

      Benjamin… è morto il Ben del futuro, quello del presente è ancora vivo.

      GRAZIE MILLE per il fantastico commento, cara 😉

  • 10 dicembre, 2015 at 5:36 pm
    Permalink

    Sono sconvolta, forse uno degli episodi più belli che tu abbia scritto.
    Tante risposte, altrettanti dubbi e domande.
    L’attesa ci ucciderà tutti, la mancanza di Spellbook è come quando vai al McDonald’s e non puoi comprare il McChicken perchè non hai abbastanza soldi con te quindi ti accontenti di un’insalata.

    I BROSE. I MIEI AMATI BROSE.
    Ecco perchè li amo. Angst e disperazione, a volte si vogliono staccare la testa a vicenda ma non riescono a vivere l’uno senza l’altro.
    Jack sapeva che avrebbe distrutto Rose con la ‘morte’ di Ben, e aveva ragione.
    Per fortuna il PRESENT!Ben se stava a fa’ solo un riposino, però sono convinta che questa cosa porterà dei cambiamenti forse anche in Lui.

    Comunque vorrei dire che se un giorno il MIO Ben dovesse morire la mia reazione sarebbe come quella di Rose. ACCURATE.

    Tatia che ha finalmente I FOTTUTI POTERI. Come disse Ben all’inizio della S2. Sono proprio fratelli sti due, niente da dire.
    HO ADORATO la scena tra Lei e Luke, EVERWOOD RIMARRA’ SEMPRE NEL CUORE E QUELLA SCENA MI SPEZZA IL CUORE.
    Lei lo ama ma non può essere sempre la sua seconda scelta, se lui la vuole l’andrà a prendere.
    E nuovo interesse o meno, Lei gli si butterà in braccio se lo farà.
    Non vedo l’ora di vedere il nuovo percorso di Tatia, come diventerà con i poteri.

    Il povero Tiby è stato preso a calci nel sedere da entrambi i Whittermores. LOL

    Evan e Bright sono L’AMORE. Ora che lui ha recuperato la memoria la loro dinamica sarà ancora più interessante, vedremo Bright 2.0 e nella 4b scopriremo chi è in realtà (Io ho sempre pensato che fosse IL LIBRO, ma staremo a vedere)

    RIP Elizabeth, nessuno sentirà la tua mancanza anche se povero Chris c’ha na sfiga che si vede lontano un miglio che è un Whittermore.

    Sono curiosissima di vedere cosa è cambiato nel futuro dopo cinque anni, se vedremo dove è stata Rose, la sua reazione nel rivedere Ben, sapere che è vivo e affrontare quello che ha fatto in questo finale.

    Ps: QUANTO SONO BELLI MORRISON E MEREDITH CON UN FIGLIO *_______*

    A marzo con Spellbook (*sigh*) ma a domani con Bakersville. <3

    • 10 dicembre, 2015 at 5:48 pm
      Permalink

      “I BROSE. I MIEI AMATI BROSE.
      Ecco perchè li amo. Angst e disperazione, a volte si vogliono staccare la testa a vicenda ma non riescono a vivere l’uno senza l’altro.
      Jack sapeva che avrebbe distrutto Rose con la ‘morte’ di Ben, e aveva ragione.
      Per fortuna il PRESENT!Ben se stava a fa’ solo un riposino, però sono convinta che questa cosa porterà dei cambiamenti forse anche in Lui.”

      Hai così ragione, questa cosa porterà NUMEROSSISSIMI cambiamenti, sarà devastante. Amo il loro rapporto.

      Grazie mille per il fantastico commento! 🙂

  • 10 dicembre, 2015 at 7:04 pm
    Permalink

    MARZOOOOOO?!

    Tralasciando la mia rabbia x questo, fantastico finale Toti!

    • 10 dicembre, 2015 at 7:16 pm
      Permalink

      Grazie

  • 10 dicembre, 2015 at 7:05 pm
    Permalink

    Niente bacio per i matrone cattivo

    • 10 dicembre, 2015 at 7:17 pm
      Permalink

      Dai, ci sarà tempo.

  • 10 dicembre, 2015 at 7:06 pm
    Permalink

    Ho amato ogni singolo momento di questa puntata, vorrei tanto vedere spellbook come un telefilm vero sarebbe straordinario.

    • 10 dicembre, 2015 at 7:18 pm
      Permalink

      Grazie mille! 🙂

      • 10 dicembre, 2015 at 7:20 pm
        Permalink

        Piacerebbe tanto vederlo anche a me! 🙂

  • 10 dicembre, 2015 at 7:07 pm
    Permalink

    Non trovo le parole, giuro. Ti sei superato

    • 10 dicembre, 2015 at 7:19 pm
      Permalink

      Grazie mille, Luca! 🙂

  • 10 dicembre, 2015 at 7:09 pm
    Permalink

    Meredith: sono passati cinque anni. Sono cinque anni che sei scomparsa da Twinswood.

    O MIO DIO.

    E ora chi aspetta fino a Marzo???????
    Bellissimo mid-season finale, l’unica cos a che ti rimprovero è il mancato bacio tra Rose e Matthew, ci stava troppo!

    • 10 dicembre, 2015 at 7:19 pm
      Permalink

      Grazie mille, Veronica! 🙂

  • 10 dicembre, 2015 at 7:35 pm
    Permalink

    La vera domanda, oltre a come faremo ad arrivare fino a marzo è… Come fai ad essere così geniale?
    Questo episodio mi ha tenuto con il fiato sospeso per tutto il tempo e ci sono talmente tante cose da commentare…
    Innanzitutto, finalmente anche la mia amata Tatia ha i poteri, ho amato che li abbia tirati fuori per salvare quelle persone che a prima vista sembra le stiano indifferenti, ma in realtà anche se non lo vuole ammettere sono un po’ la sua famiglia. La domanda che mi è venuta in mente è: ora che ha i poteri anche lei rischia di cedere all’oscurità oppure solo Ben era destinato ad essere un demone?
    In questo episodio ho amato Tatia, soprattutto il discorso che fa a Luke, a me piacciono molto insieme, ma credo che lei abbia fatto bene, deve trovare qualcuno che la tenga come prima scelta, che sia pronto a tutto per lei e se questa persona si rivelerà essere Luke ben venga, altrimenti credo che per lei sia bene continuare a cercare.
    Bright ed Evan sono tornati e non potrei essere più felice! Nonostante amassi la nuova versione di Bright mi dispiaceva vedere Evan soffrire, ora c’è solo da scoprire chi è Bright… 4B arriva presto!!!
    In questo episodio mi sono innamorata di nuovo dei Roke, quella scena in cui Rose guarisce le ferite di Luke mi ricorda tantissimo l’episodio della prima stagione quando lei gli curò le bruciature di Bright e ho chiesto ammenda per essere saltata per un po’ giù da questa ship, i MattRose e i Lutia mi avevano fatto vacillare… ma sono troppo belli insieme questi due!!!
    Un’altra scena carinissima è stata quella della conversazione tra Leda, Rose e Bright, mi è piaciuto vedere il trio originario.
    Andy mi ha fatto tenerezza e capisco che voglia vendicare Oliver, come d’altra parte capisco anche Emma, pronta a tutto pur di salvare la persona amata, persino intraprendere una battaglia con uno die maghi più potenti del fututo. A questo punto credo che Andy sia figlio di Cristopher (e speriamo che la mamma sia Ryley) perché sarebbe il nipote di due dei più grandi stregoni, quindi questo giustificherebbe la sua grande potenza.
    Il finale mi ha veramente lasciato senza parole, all’inizio pensavo fosse davvero il nostro Ben, mi sono preoccupata… ma forse è stato ancora più preoccupante come questo fosse un piano organizzato nei minimi dettagli, come Elizabeth abbia decretato morte e vita di tanti solo per raggiungere uno scopo. Mi è dispiaciuto che Rose l’abbia fatta fuori sul più bello, ma tutte queste domande senza risposta mi faranno aspettare con ancora più ansia la seconda parte di stagione.
    Il finale è stato veramente shoccante, mi sono subito immaginata una scena di un vero telefilm… sono curiosissima di scoprire cosa sia successo nei cinque anni mancanti e come hanno reagito tutti alla scomparsa di Rose, come sono cambiati in questi cinque anni.
    Non vedo l’ora che sia marzo per poter tornare a leggere questo capolavoro!
    Complimenti!!!

    • 14 dicembre, 2015 at 9:26 am
      Permalink

      Grazie mille, Greta, contentissimo che ti sia piaciuto! 🙂

  • 10 dicembre, 2015 at 9:07 pm
    Permalink

    Ciao Luigi!

    Io boh, sono sconvolta. L’unica certezza che ho in questo momento è che è stato un episodio fantastico, forse uno dei migliori finora, ma lo penso di ogni nuovo episodio che leggo quindi non so quanto questa cosa faccia testo. Sicuramente è stato il più sconvolgente. Uno dei più sconvolgenti.

    Detto ciò, innanzitutto devo ringraziarti. Devi sapere che ieri pomeriggio io e una mia amica, dopo un’intensa ora sul pullman passata a scervellarci e a fare teorie su Spellbook, ne siamo uscite, oltre che con un gran mal di testa, con un dubbio esistenziale a cui proprio non riuscivamo a dare risposta:

    ‘CHE FINE HA FATTO LO SCERIFFO MORRISON?!’

    Quindi niente, grazie per avercelo fatto rivedere nel finale, così almeno possiamo smettere di
    chiederci che fine abbia fatto e iniziare a chiederci come abbia passato gli ultimi cinque anni (anche se una vaga idea l’abbiamo). Lui e tutti gli altri. CINQUE ANNI CASPITA. Che cosa è successo?! Dove è stata Rose?! Ha deciso di farsi un giretto a Rosewood cogliendo l’occasione del fatto che le Liars fossero finalmente fuori dai piedi?!

    Devo dire che ultimamente non mi stava sempre simpatica, pur comprendendo le ragioni delle sue azioni e, anche in questo episodio, pur capendo le motivazioni che l’hanno spinta a partire in quarta con Andy, avrei preferito che si fosse fermata un attimo in più a cercare di capire il perché delle azioni di Jack, come hanno fatto Emma e Ben. Ben che, devo dirtelo, apprezzo sempre di più ogni episodio che passa. Cosa è successo nel futuro che lo ha portato ad essere il Benjamin quarantenne che abbiamo visto in questa prima parte di stagione? La scena in cui Jack lo uccide è stata straziante. Chissà quanto deve aver sofferto per arrivare a uccidere il suo stesso padre. O, per lo meno, quanto ha creduto di aver sofferto (?) visto che è saltato fuori che è stata tutta una manipolazione di Elizabeth. E adesso Rose ha ucciso lui e poi la “madre”. E se ne è andata a Rosewood. Ora capisco cosa volevi dire quando dicevi che Jack l’avrebbe cambiata per sempre.

    Comunque grazie per non aver ucciso Matthew: okay che sarebbe stato da sadici farlo fuori ora che le cose tra lui e Rose si facevano interessanti, ma da te ci si aspetta di tutto ormai quindi un bel sospirone di sollievo non me lo ha levato nessuno. L’ANSIA c’avevo al pensiero che fosse lui la morte definitiva del flashforward di inizio stagione. Tra l’altro, non sono riuscita a commentare l’episodio di settimana scorsa, ma AWWW la scena sul portico di casa Wilson *-* per non parlare del loro quasi bacio nell’episodio di oggi, sono troppo belliii *-* ed è bello vedere Rose con lui, mi sembra un pochino più serena tutte le volte che sono insieme, per quanto tragica e incasinata la situazione che li circonda possa essere.

    Detto questo, io una volta ero Roke, e in fondo lo sono ancora, e basta solo che quei due si guardino per ricordarmelo (non che io me lo dimentichi). Le loro scene di oggi sono state davvero emozionanti, sono contenta che lei alla fine lo abbia perdonato e spero davvero che anche lui si perdoni. Tatia ha ragione, dovrebbe smetterla di darsi la colpa per ogni cosa, anche se è esattamente nel suo personaggio farlo e io lo adoro anche per questo. Mi è piaciuto molto il discorso che lei gli ha fatto. Notevole, per altro, la sua abilità nel fare riassunti, non sai quanto ho riso quando l’altro giorno ho letto lo sneak peek del suo riepilogo della situazione a inizio episodio, e quanto ho riso anche oggi. Il suo è senza ombra di dubbio uno dei personaggi meglio riusciti dell’universo di Spellbook!

    Anche Tiberius mi ha fatto morire dal ridere, per fortuna che c’era lui a sdrammatizzare un po’ la situazione. Tra l’altro, non ho ancora capito che parte faccia Talos in tutto ciò, oltre ad essere il suo fidanzato.

    Devo essere sincera, un po’ mi è dispiaciuto che Bright abbia ritrovato la memoria – Bitchright era davvero divertente – però era anche ora che si ricordasse chi fosse, e ci era mancato, così come i Brevan *-* Mi erano mancati tanto anche i momenti tra Rose, Leda e Bright e quelli tra Ben ed Evan, e sono stata contenta di rivederli insieme come una volta, è stato un po’ come tornare ai “vecchi tempi”.

    Detto ciò il fatto che ci hai lasciato così, con Bright che si ricorda chi è ma non ce lo dice e Andy che ancora non si sa di chi sia figlio, fa di te davvero una brutta persona, sappilo.

    COME POSSIAMO ASPETTARE IL 24 MARZO?! Altro che quattro mesi, sembreranno quattro anni, anzi, cinque, me lo sento D: Per fortuna che c’è Bakersville!

    Ah, dimenticavo: grazie per aver fatto tornare Tim. Temevo fosse andato a raggiungere anche lui lo sceriffo Morrison dovunque egli fosse! 😉

    • 14 dicembre, 2015 at 9:27 am
      Permalink

      Aw grazie.
      So che Tim e Morrison hanno poco spazio ma in fondo sono un po’… il contorno della serie ahah

      Grazie mille!

  • 14 dicembre, 2015 at 11:25 pm
    Permalink

    Ciao Luigi! Ho recuperato in ritardo tutte le puntate della prima metà della 4 stagione. Temevo di notare un pò di stanchezza nella trama e invece non ti smentisci mai, sempre molto avvincente 🙂 mi è piaciuto molto il discorso dei viaggi nel tempo e delle modifiche del futuro… ma mai mi sarei aspettata lo zampino della mamma di Rose! la scena in cui la nostra strega esplode dalla rabbia e dalla disperazione per la presunta morte di Ben e uccide Elizabeth è di grandissimo impatto emotivo. Adesso che anche Rose proverà sulla propria pelle cosa significa l’oscurità, credo che comincerà a capire i punti di vista di Ben e Jack (se sopravviverà) e vedremo un’eroina cambiata nel profondo. Mi è piaciuta tanto la scena tra Matthew e Rose e il loro quasi bacio… mi ha fatto emozionare e battere forte il cuore *_* Ho sempre pensato che Rose fosse di Ben e viceversa ma ammetto che i due sono molto carini insieme e rappresentano una novità, una boccata d’aria fresca…. e poi Matthew è fantastico, punto. Molto teneri anche Luke e Tatia… spero che il vampiro imparerà ad amarla e apprezzarla incondizionatamente perchè se lo merita sul serio. Poi, che dire di Bright ed Evan? Finalmente insieme come un tempo *_* Quante ne hanno passate i due? spero ritrovino un pò di pace insieme.
    Cosa si nasconde dietro ad Andy e Bright? chi sono veramente? Cosa è accaduto a Rose in quei 5 anni di assenza? vedremo finalmente questo bacio con Matthew? 😛 Magari è finita ad Handrar durante i 5 anni. Ci sono tanti, troppi misteri che vorrei scoprire e adesso mi secca aspettare fino a Marzo 🙁 nell’attesa potresti farci un riassunto della 4×10 alla Tatia maniera! XD A parte gli scherzi, complimenti ancora Luigi per l’ottimo lavoro che fai e per le emozioni che ci regali. Nella speranza che Marzo arrivi presto, ti auguro delle felici e serene vacanze di Natale. A presto 🙂

Comments are closed.